Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con un rosario
di molliche di pane

· ​Il cardinale Amato ha presieduto in Kazakhstan la beatificazione di Ladislao Bukowiński ·

«L’uomo della speranza»: questo fu Ladislao Bukowiński per i suoi compagni di prigionia nei lager sovietici e per i cattolici del Kazakhstan, tra i quali, dal 1956 fino alla morte nel 1974, egli fu apostolo della fede. A tracciarne il ritratto e a proporlo come esempio per tutti i cristiani è stato il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, che domenica 11 settembre, nella cattedrale di Karaganda, ha presieduto a nome del Papa la messa per la beatificazione del sacerdote.

Attraverso i dolorosi passaggi della biografia di Bukowiński — i processi, le detenzioni, i lavori forzati nelle miniere di rame, le messe clandestine e gli aiuti ai più poveri nei villaggi kazaki — il porporato ha ripercorso nell’omelia i tratti caratteristici della spiritualità del nuovo beato: sacerdote dalla fede «profonda, solida, incrollabile, come quella di Abramo» e «missionario coraggioso di Cristo nei vasti territori dell’Europa orientale, dove allora regnava un’ideologia repressiva, che cercava di estirpare dal cuore dell’uomo ogni sentimento religioso». I processi e i lager, ha spiegato il cardinale Amato, diventavano per lui i pulpiti da quali non si stancava mai di educare «all’amore di Dio e alla riconciliazione con il prossimo», ripetendo spesso: «La fede spezza i muri».

Sono numerosi gli aneddoti ricordati dal prefetto della Congregazione delle cause dei santi per descrivere lo spessore interiore di quest’uomo che fu perseguitato da nazisti e comunisti e che, «in mezzo a un popolo umiliato e oppresso», non si stancò mai di portare speranza, serenità e consolazione. Quando, ad esempio, nel 1940 fu imprigionato a Łuck e il giudice inveì contro di lui urlandogli che in quel luogo era proibito pregare, lui rispose: «Si calmi. In futuro pregherò in modo che lei non se ne accorga». E, nonostante le proibizioni, trovava davvero ogni modo per rendere lode a Dio. «Durante la prigionia — ha ricordato il cardinale Amato — il suo rosario era fatto di palline di pane legate con lo spago e con una croce di filo di ferro».  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE