Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la tutela dei bambini
cresce l’intera società

· Lettera del Papa per la Settimana dell’infanzia in Brasile ·

Aparecida, 19. «Siamo capaci di stare con i bambini, di “perdere tempo” con essi? Sappiamo ascoltarli, difenderli, pregare per loro e con loro? O li trascuriamo occupandoci dei nostri interessi?». Se lo chiede Papa Francesco in una lettera inviata in occasione della Settimana nazionale dell’infanzia in Brasile e letta mercoledì 12 ottobre dal cardinale arcivescovo di Aparecida, Raymundo Damasceno Assis, durante la celebrazione che, nel santuario dedicato alla patrona del Paese, ha aperto il giubileo per il trecentesimo anniversario del ritrovamento dell’immagine di Nostra Signora di Aparecida nelle acque del fiume Paraíba do Sul.

Sottolineando il suo appoggio alla campagna nazionale per lo sradicamento del lavoro minorile che è si conclusa domenica scorsa, il Pontefice ricorda che la Settimana dell’infanzia, organizzata dal santuario in collaborazione con i tribunali regionali del lavoro e la procura generale del lavoro dello stato di São Paulo, «ha l’obiettivo di promuovere lo sradicamento del lavoro infantile e di offrire ai bambini un’educazione di qualità che assicuri loro un futuro migliore». Francesco scrive di serbare ancora vivo nel cuore il ricordo dell’inaugurazione, il 3 settembre, della statua di Nostra Signora di Aparecida nei giardini vaticani e, tornando a parlare dell’iniziativa, invita a non dimenticare che «i bambini sono un segno di speranza e un segnale indicatore per capire lo stato di salute di una famiglia, di una società e del mondo intero. Quando i bambini sono accolti, amati, protetti, tutelati da una famiglia saggia, la società migliora e il mondo è più umano», osserva il Papa, e, per questo, «dobbiamo rinnovare sempre il nostro auspicio di accogliere di più e meglio i bambini». La lettera si conclude con la speranza che la campagna per lo sradicamento del lavoro minorile possa essere «fruttuosa nei suoi propositi» e, per questo il Papa invoca «la luce dello Spirito santo affinché illumini tutti i partecipanti e, al tempo stesso, attraverso l’intercessione di Nostra Signora Aparecida, imparto loro la benedizione apostolica, chiedendo di continuare a pregare per me».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE