Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la pazienza del dialogo

· Al Regina caeli appello del Pontefice per la pace in Ucraina e nella Repubblica Centroafricana ·

E all’Olimpico il festoso incontro con il Rinnovamento nello Spirito

Un nuovo «accorato appello», perché si superino le incomprensioni e si ricerchino «il dialogo e la pacificazione» in Ucraina e in Africa è stato lanciato dal Papa domenica 1° giugno, durante il Regina caeli in piazza San Pietro. All’appuntamento con i fedeli, convenuti come sempre numerosissimi, Francesco ha confidato di pregare «con animo rattristato» per «le vittime delle tensioni che ancora continuano in alcune regioni dell’Ucraina, come pure nella Repubblica Centroafricana», affidando le sorti dei due Paesi a Maria regina della pace.

In precedenza, il Pontefice aveva parlato del significato dell’ascensione del Signore, ricordando che  «l’ultima parola di Gesù ai discepoli è il comando di partire. È un mandato preciso, non è facoltativo! La comunità cristiana è una comunità “in partenza”. Di più: la Chiesa è nata “in uscita”». E questo vale anche per le comunità di clausura o per gli anziani e i malati, perché — ha spiegato — «sono sempre “in uscita” con la preghiera» e con «l’unione alle piaghe di Gesù».

Malati e anziani sono stati — insieme ai sacerdoti, ai giovani, alle famiglie — tra i protagonisti del dialogo che il Pontefice ha improvvisato nel pomeriggio con gli oltre cinquantamila membri del Rinnovamento nello Spirito Santo, incontrati allo stadio Olimpico di Roma in occasione della trentasettesima convocazione nazionale. Oltre al discorso già preparato, infatti, Francesco ha risposto a braccio alle domande rivoltegli dai rappresentanti di alcune categorie.

Ai partecipanti al festoso incontro, scandito da canti, letture e riflessioni, il Papa ha raccomandato in particolare di essere vicini ai poveri e ai bisognosi «per toccare nella loro carne la carne ferita di Gesù», e di cercare anzitutto l’unità, evitando «il pericolo dell’eccessiva organizzazione» e il rischio di “ingabbiare” lo Spirito Santo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE