Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la mano aperta

· ​Il Papa spiega ai ragazzi come si cambia il mondo ·

Per cambiare il mondo «ci vuole la mano aperta»; ed essendo la mano «un simbolo del cuore», si può «incominciare a cambiare il mondo con il cuore aperto». Adoperando questa efficace terminologia, accompagnata dal gesto di aprire e chiudere la mano, Papa Francesco ha spiegato ai ragazzi il valore dei piccoli e grandi gesti che possono incidere concretamente sui destini del pianeta. Perché «è difficile cambiare il mondo» ma «è possibile», ha assicurato agli oltre cinquemila alunni delle scuole medie inferiori — che partecipano all’esperienza educativa cristiana “Graal” o “I cavalieri” — riuniti nell’aula Paolo vi nella mattina di venerdì 2 giugno.

Rispondendo alle domande di tre di loro, il Pontefice ha intessuto un dialogo con i piccoli, esortandoli anzitutto ad affrontare la vita con lo sguardo fisso in avanti e puntato sugli orizzonti. «Dobbiamo abituarci — ha detto — a questo cammino: lasciare qualcosa e incontrare le cose nuove» per crescere e maturare. Poi l’invito a «cambiare il mondo con le piccole cose di ogni giorno, con la generosità, con la condivisione, creando questi atteggiamenti di fratellanza». Infine, una riflessione sulla sofferenza dei più piccoli, di fronte alla quale, ha affermato Francesco, «non si può rispondere con le parole» ma soltanto guardando a Cristo crocifisso.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE