Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la lingua dei segni

· ​Giubleo degli ammalati e delle persone disabili ·

Ci saranno anche ragazzi con sindrome di Down e con deficit intellettivi, insieme a un diacono non udente, tra i ministranti che domenica mattina 12 giugno, alle 10.30, saranno accanto a Papa Francesco in piazza san Pietro per la messa del giubileo degli ammalati e delle persone disabili. Inoltre, la prima lettura verrà proclamata in spagnolo da una persona disabile e la seconda verrà letta in braille da una ragazza cieca inglese. E tutta la celebrazione sarà tradotta con le diverse lingue dei segni.

Lo ha annunciato giovedì 9 giugno l’arcivescovo Rino Fischella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, presentando le iniziative giubilari nella Sala stampa della Santa Sede. Il presule ha inoltre reso noto che «per la prima volta in piazza San Pietro la lettura del Vangelo sarà anche drammatizzata da un gruppo di persone disabili intellettive per permettere che il testo sia compreso soprattutto dai pellegrini con disabilità mentale e intellettiva».

Altro momento significativo ci sarà alla comunione: per il canto «Pane del Cielo», al coro della Cappella Sistina subentrerà infatti il coro Amoris laetitia insieme ad altri gruppi formati da persone disabili: i cori Mani Bianche della scuola popolare di musica di Testaccio, Mani colorate e Ci hai dato un segno, oltre alla Chicco sband, espressione della comunità dell’Arca visitata da Francesco a Ciampino il 13 maggio scorso.

Prima della celebrazione, a partire dalle 9, prenderanno la parola Enrico Petrillo, marito di Chiara Corbella, morta a ventotto anni per un tumore scoperto durante la gravidanza; Maria Grazia Fiore con i suoi due figli disabili; il religioso redentorista sordo e cieco Cyril Axelrod e una coppia affetta da una malattia neurologica degenerativa. Sarà inoltre trasmesso un video messaggio di Jean Vanier.

Per la messa, ha spiegato il presule, «sarà esposto il quadro della Madonna salus infirmorum, custodito nella chiesa di Santa Maria Maddalena in Campo Marzio a Roma. Questo prezioso dipinto cinquecentesco, di autore ignoto, fu donato alla chiesa della Maddalena da una nobile romana nel 1619, dopo che le sue preghiere di guarigione dalla malattia di fronte al dipinto furono miracolosamente esaudite. Da allora è invocata come aiuto di tutte le persone afflitte da malattia».

Le giornate giubilari per gli ammalati e i disabili inizieranno venerdì 10 con il pellegrinaggio verso la porta santa, le catechesi e le celebrazioni in diverse chiese di Roma. Interverranno monsignor Daucourt, vescovo emerito di Nanterre, monsignor Marrucci, vescovo di Civitavecchia, monsignor Roche, segretario della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, e monsignor Ruiz Arenas, segretario Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, che è intervenuto anche alla conferenza stampa con il sotto-segretario monsignor Bell.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE