Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la croce sotto un tetto di paglia

· ​A gennaio in Panamá si svolgerà anche l’incontro mondiale della gioventù indigena ·

La croce, un tetto di paglia, il cacao, le radici di una pianta, il camaleonte, una pannocchia di mais: sono gli elementi che compongono il logo dell’Incontro mondiale della gioventù indigena che si terrà dal 17 al 21 gennaio 2019 a Soloy, in Panamá, nell’immediata vigilia della giornata mondiale della gioventù (22-27 gennaio). La croce, spiegano gli organizzatori, «ci invita a impegnarci come giovani sull’esempio di Gesù, lui che è la pienezza della speranza per i nostri popoli», mentre la capanna di paglia simboleggia «l’unità della comunità che cammina insieme». Il cacao, così come il mais, sono alimenti sacri di molti popoli centroamericani: «Siamo soliti prendere il cacao in momenti importanti della vita della comunità in uno spirito di solidarietà, per sentirci veri fratelli e sorelle, una sola famiglia». Le radici della pianta testimoniano invece «il nostro rispetto per la madre Terra che ci dà la vita», mentre il camaleonte «ci ricorda il creato nella sua diversità: come giovani ci impegniamo a mantenere l’intima relazione con la creazione di Dio quale eredità dei nostri nonni». A Soloy, diocesi di David, ci saranno centinaia di giovani appartenenti a varie popolazioni indigene. Insieme rifletteranno e celebreranno la loro fede in Cristo, a partire dalla ricchezza millenaria delle rispettive culture.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE