Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con la croce
il libro e l’aratro

· Cinquant’anni fa il breve «Pacis nuntius» ·

" Se nel 1947 - scrive Mariano Dell’Omo - anno quattordici volte centenario della morte di san Benedetto, non erano ancora maturi i tempi per una sua proclamazione a patrono dell’Europa, le cui macerie materiali e ancor più morali e spirituali giacevano ancora in tutta la loro drammatica visibilità dal Mediterraneo agli Urali, nel 1964 il carisma benedettino poté finalmente essere riconosciuto nel suo ruolo, storicamente così evidente, di fondazione e guida per l’intera Europa" .

Paolo VI arriva a Cassino per consacrazione la nuova basilica (24 ottobre 1964)

Quest’anno Montecassino ricorda il cinquantesimo anniversario del Breve Pacis Nuntius, datato 24 ottobre 1964, con cui Paolo VI proclamava ufficialmente san Benedetto patrono d’Europa. Per l'occasione Il nostro giornale pubblica due documenti inediti: la prima parte del messaggio inviato dall’abate Gregorio Diamare al cardinale Schuster dopo la distruzione dell’abbazia e il testo integrale di una lettera datata 23 febbraio 1944 scritta dall’allora monsignore Giovanni Battista Montini, sempre al cardinale Schuster.

"Ho lasciato Montecassino - scrive l'abate Diamare nella sua lettera - alle ore 7.30 del giorno 17, il terribile bombardamento aereo si ebbe durante la giornata del 15 (ma il cannoneggiamento formidabile, e con crescendo spaventoso, era cominciato fin dai primi di febbraio), quando oramai vi era imminente e sicuro pericolo di rimanere sepolti sotto le macerie delle stanze inferiori della Torre di S. Benedetto, ultimi nostri rifugi; le superiori erano già un mucchio di rovine. Con me erano rimasti Don Martino che mi è stato sempre vicino e Don Agostino e quattro fratelli conversi, di cui uno gravemente malato, ed una quarantina di persone, la maggior parte donne e fanciulli, tra cui parecchi feriti e malati che non potevano affatto camminare, con appena sei o sette uomini ancora validi". Il 25 ottobre il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin presiederà alle 16 i vespri; seguirà il convegno: «Identità europea e radici cristiane dell’Europa»; per l’occasione sarà esposto l’originale del Breve Pacis Nuntius

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE