Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con il cuore che ascolta

· Meditazione di fratel Alois ·

«Quando soffriamo, attendiamo la guarigione o l’aiuto materiale ma abbiamo anche bisogno di incontrare un cuore che ascolta e che comprende. Possiamo trovarvi speranza e a volte sollievo per la nostra sofferenza». Lo scrive fratel Alois, priore di Taizé, in una meditazione pubblicata sul sito in rete della comunità e intitolata Des visites pour entretenir une flamme d’espérance. Le visite a cui si riferisce Alois sono agli stranieri, ai malati, ai bambini abbandonati. Incoraggia i giovani a farne, durante l’anno, guardandosi intorno, per nutrire quella solidarietà che comincia con l’«umanizzazione dei cuori», con il «portare calore nel freddo che tenta di invadere le nostre società». Cristo, del resto, «si è identificato con i più poveri, là ci aspetta, a quello ci chiama. State certi che è un cammino di gioia profonda».

Il priore racconta di un toccante incontro avuto nel mese di maggio in Messico, durante uno dei tanti raduni organizzati dalla comunità. Con Consuelo, una donna che ha vissuto per un anno a Taizé, «siamo andati a trovare dei giovani che vivono in strada. In un quartiere piuttosto benestante abitano in quaranta sotto una tenda di fortuna, rinforzata da cartoni e materiali diversi. Consuelo li visita regolarmente ed erano felici di vederla arrivare. Abbiamo fatto conoscenza in strada. Un giovane vive lì da dodici anni, un ragazzo di dieci vi è nato, una giovane donna aspetta un bambino. Fanno quello che possono per trovare qualche soldo per sopravvivere. La maggior parte di essi respira una droga quasi costantemente. Ci hanno fatto entrare nella loro tenda. In un angolo — ricorda fratel Alois — ho visto una croce. Abbiamo proposto di cantare insieme Nada te turbe», poi Consuelo li ha invitati alla preghiera della sera all’incontro dei giovani. «Non riuscivo a crederci, sono venuti tutti. Quella sera abbiamo pregato attorno alla croce come qui il venerdì. Ci siamo riuniti attorno a Cristo con questi giovani, assieme ai responsabili delle diverse Chiese. È stato un grande momento di speranza».

La solidarietà fra gli esseri umani — sottolinea Alois — è il tema scelto per l’anno prossimo. «Cristo ci invita a superare le frontiere. Lontano e vicino. Diventare più sensibili verso gli altri: che bello questo invito del Vangelo. Dà senso alla nostra vita, ci fa conoscere di più l’amore di Dio».

Il 2015 sarà un anno importante per Taizé. Si celebreranno infatti il settantacinquesimo anniversario della fondazione della comunità, i cento anni della nascita di fratel Roger e i dieci anni dalla sua morte. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE