Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con i nostri contemporanei

· A mensa con i partecipanti all’assemblea il Papa ha proposto una riflessione sul significato del Sinodo ·

Benedetto XVI ha invitato a illuminare il mondo con la luce di Dio

Sono giunti a metà percorso i lavori dell’assemblea ordinaria del Sinodo dei Vescovi sulla nuova evangelizzazione.  Ieri pomeriggio, venerdì 12, sono stati tra l’altro comunicati i nomi della commissione per la redazione del messaggio. Al mattino, dopo la conclusione della congregazione generale, si è svolto il tradizionale incontro conviviale  dei padri sinodali con il Papa. Nel breve saluto improvvisato  al termine del pranzo, Benedetto XVI — dopo aver chiesto  lo slittamento dell’orario per la ripresa pomeridiana dei lavori ,  in modo da concedere ai  sinodali qualche momento  di riposo in più visto l’inatteso protrarsi del pranzo — ha sottolineato l’importanza del cammino comune dei cristiani  per portare la luce della fede in Dio ad un  mondo che sembra procedere  sconsolato.

Santità,

Your Grace,

cari Fratelli,

inizialmente vorrei annunciare un po’ di grazia, cioè, stasera cominciamo non alle quattro e mezza - mi sembra disumano -, ma alle sei meno un quarto.

E’ una bella tradizione creata dal Beato Papa Giovanni Paolo II di coronare il Sinodo con un pranzo comune. Per me è una grande gioia che alla mia destra ci sia Sua Santità il Patriarca Bartolomeo, Patriarca Ecumenico di Costantinopoli, e, dall’altra parte, l’Archbishop Rowan Williams from the Anglican Communion.

Per me questa comunione è un segno che siamo in cammino verso l’unità e che nel cuore andiamo avanti. Il Signore ci aiuterà ad andare avanti anche esteriormente. Questa gioia, mi sembra, ci dia forza anche nel mandato dell’evangelizzazione. Synodos vuol dire «cammino comune», «essere in cammino comune», e così la parola synodos mi fa pensare al famoso cammino del Signore con i due discepoli di Emmaus, che sono un po’ un’immagine del mondo agnostico di oggi. Gesù, la loro speranza, era morto; il mondo vuoto; sembrava che Dio realmente o non ci fosse o non si interessasse di noi. Con questa disperazione nel cuore, e tuttavia con una piccola fiamma di fede, vanno avanti. Il Signore cammina misteriosamente con loro e li aiuta a capire meglio il mistero di Dio, la sua presenza nella storia, il suo camminare silenziosamente con noi. Alla fine, nella cena, quando già le parole del Signore e il loro ascolto avevano acceso il cuore e illuminato la mente, lo riconoscono nella cena e finalmente il cuore comincia a vedere. Così nel Sinodo siamo insieme con i nostri contemporanei in cammino. Preghiamo il Signore perché ci illumini, ci accenda il cuore affinché diventi veggente, ci illumini la mente; e preghiamo affinché, nella cena, nella comunione eucaristica, possiamo realmente essere aperti, vederlo e così accendere anche il mondo e dare la sua luce a questo nostro mondo.

In questo senso, la cena - come il Signore ha preso spesso il pranzo e la cena come simbolo del Regno di Dio - potrebbe essere anche per noi un simbolo del cammino comune e un’occasione di pregare il Signore perché ci accompagni, ci aiuti. In questo senso diciamo adesso la preghiera del ringraziamento.

Buon riposo, ci vediamo nell’aula del Sinodo! Grazie!

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE