Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Pellegrinaggio per la pace

· Al via a Gerusalemme l’incontro dei vescovi dell’Holy Land Coordination ·

Gerusalemme, 12. Si svolgerà dal 13 al 18 gennaio l’edizione 2018 dell’incontro-pellegrinaggio dell’Holy Land Coordination (Hlc), il Coordinamento di Terra santa, costituito da vescovi provenienti da Europa, Nord America e dal Sud Africa, istituito con lo scopo di visitare e sostenere le comunità cristiane. Quest’anno i 15 vescovi partecipanti all’iniziativa si ritroveranno nella serata del 13 gennaio a Gerusalemme, sede dei lavori, per partire subito il giorno dopo per la Striscia di Gaza dove incontreranno la piccola comunità cristiana locale.

Tema dei lavori sarà, in particolare, il mondo giovanile con tutte le sue attese, difficoltà e speranze vissute in una realtà di tensione come quella mediorientale. I vescovi e gli altri partecipanti tra i quali una delegazione del Consiglio delle Conferenze episcopali europee, guidata dal segretario generale, monsignor Nuno Queiroz de Barros Duarte da Cunha, visiteranno alcune scuole a Beit Jala e Beit Sahour e incontreranno alcuni gruppi di studenti universitari cristiani, ebrei e musulmani. In programma anche riunioni con alcuni diplomatici occidentali e un’uscita al villaggio palestinese di Qubeibeh che si trova in una specie di enclave, circondato da insediamenti e da strade riservate agli israeliani. L’edizione di quest’anno prevede anche la possibilità di condividere, dalla sera di venerdì 12 gennaio, lo shabbat con la comunità ebraica della sinagoga Kol Haneshama a Gerusalemme.

Il Coordinamento dei vescovi per la Terra santa trova il suo fondamento di azione nelle cosiddette “3 P”: preghiera, pellegrinaggio, persuasione. La preghiera, infatti, fa da sfondo a ogni incontro annuale con la celebrazione quotidiana dell’Eucaristia, spesso in diversi riti e con le comunità cattoliche locali. Il pellegrinaggio è poi uno dei momenti più importanti della riunione annuale. I vescovi, infatti, si recano singolarmente o in gruppi a visitare le comunità cattoliche, incontrando i loro membri e a volte anche personalità politiche locali. Dall’Hlc giunge sempre l’esortazione e l’incoraggiamento alle chiese nel mondo a favorire i pellegrinaggi in Terra santa. «Persuasione si riferisce al lavoro da svolgere dopo l’incontro annuale. Una volta rientrati nei rispettivi paesi i vescovi sono chiamati a parlare con i propri governi, parlamentari, ambasciatori israeliani e palestinesi e ai media su questioni che interessano la vita dei cristiani. In linea con l’approccio che la Santa Sede adotta in ogni altro luogo, i vescovi — spiegano i promotori dell’incontro — non cercano privilegi per i cristiani, ma la dignità e la giustizia per loro e per gli altri che vivono simili situazioni di conflitto».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE