Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Con due sorelle maggiori

· L’eredità del filologo e grecista Martin West ·

La sua passione e la sua ricerca indefessa hanno indagato in particolar modo sui rapporti tra cultura dell’antica Grecia e Vicino Oriente Antico, ampliando anche gli studi su campi considerati minori come la storia della religione, la musica o gli influssi sciamanici nella primitiva religione ellenica.

Exekías, «Achille e Aiace Telamonio giocano a dadi» (545-530 prima dell’era cristiana)

Martin West, filologo e grecista inglese considerato tra i maggiori studiosi della sua epoca, è morto il 13 luglio scorso all’età di 78 anni. Ha pubblicato, tra l’altro, una nuova edizione dell’Iliade, uscita anche nell’importante Biblioteca Teubneriana, monumento della cultura classicista. Nel 2002 in occasione della Kenyon Medal for Classical Studies a lui conferita, la British Academy lo ha indicato come il grecista più brillante e produttivo della sua generazione. Alcuni dei suoi apporti alla filologia classica sono Early Greek philosophy and the Orient (1971), Textual criticism and editorial technique applicable to greek and latin texts (1973), The Orphic poems (1983), Studies in the text and transmission of the Iliad (2001) e Indo-European poetry and myth (2007).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 aprile 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE