Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Con coraggio profetico

· ​Ai vescovi messicani l’invito ad affrontare la sfida delle migrazioni e a contrastare la metastasi del narcotraffico che divora la società ·

“Solo una Chiesa capace di proteggere il volto degli uomini che vanno a bussare alla sua porta è capace di parlare loro di Dio... Non c’è bisogno di “prìncipi”, bensì di una comunità di testimoni del Signore...” Lungo e appassionato è stato il discorso che Papa Francesco ha rivolto ai vescovi del Messico durante l’incontro svoltosi sabato mattina, 13 febbraio, nella cattedrale dell’Assunzione a Città del Messico. Un discorso nel quale il Pontefice ha richiamato le gravi sfide che il Paese deve affrontare, tra le quali quelle delle migrazioni e della criminalità. Esprimendo la sua fiducia nella capacità del Messico e della sua Chiesa di camminare verso la pace e la giustizia. “il Papa è sicuro – ha detto - che il Messico e la sua Chiesa arriveranno in tempo all’appuntamento con sé stessi, con la storia, con Dio“.

Il discorso del Papa ai vescovi  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE