Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Compagno della notte

· ​È morto a Parigi il padre domenicano Pedro Meca ·

Il suo nome resterà indissolubilmente legato all’associazione «Les compagnons de la nuit» (I compagni della notte) e al centro «La Moquette», aperto nel 1992 a Parigi, in rue Gay-Lussac, per ospitare, la sera fino a mezzanotte e mezza, clochard e senza fissa dimora, incontrandoli, ascoltandoli. È morto ieri a Parigi, all’età di 80 anni, padre Pedro Meca Zuazu, domenicano, uno dei “preti di strada” più conosciuti in Francia. A darne notizia lo stesso ordine domenicano: «Con tristezza annunciamo la morte di padre Pedro Meca, compagno della notte per quelli che non hanno niente. Un mendicante».

Nato a Pamplona, in Spagna, Meca — ricorda il quotidiano «la Croix» in un breve ritratto — entrò a 21 anni tra i Frati predicatori. Militò contro Franco a fianco dei rifugiati baschi, poi fu barista-lavoratore sociale al «Cloître», locale aperto per iniziativa dell’abbé Pierre. Conobbe la miseria, tra la gente. Decise di porsi in prima linea per creare relazioni sociali più umane. Nacque così «La Moquette», associazione dove i senzatetto trovarono non solo rifugio e ascolto ma vennero coinvolti in dibattiti, conferenze, presentazioni di libri, feste. Nell’ottobre 2005 padre Pedro prese la pensione di lavoratore sociale ma, pur diradando le “uscite”, non abbandonò mai i suoi amici di strada. Capelli lunghi, berretto basco in testa, folta barba bianca, Meca amava ripetere di non voler morire come “padre fondatore”: «Dio ama tutti perché vede in ognuno qualcosa di bello. Io cerco di vedere qualcosa di bello in colui che è distrutto dall’alcol, dalla droga, dai fallimenti della vita».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE