Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Come una calamita

· ​A Cosenza il cardinale Amato beatifica il parroco Francesco Maria Greco e ne sottolinea la testimonianza sacerdotale ·

Vetrata di Giovanni Hajnal  per l’aula liturgica del santuario  di San Francesco di Paola

Per Francesco Maria Greco essere parroco significava svolgere la sua missione come il buon samaritano, che, scendendo da Gerusalemme a Gerico, «sana l’umanità ferita dal male e dal vizio, per far rinascere la fede assopita o addirittura spenta». È stato il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, a sintetizzare con questa immagine l’operato del prete calabrese durante la beatificazione presieduta a nome di Papa Francesco sabato pomeriggio, 21 maggio, nello stadio comunale di Cosenza.  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE