Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Come si disegna
la mappa del futuro

· Il Papa in Irlanda per l’incontro mondiale di Dublino ·

Cosa porterà Papa Francesco a Dublino? «Ci sfiderà a essere autenticamente Chiesa in una cultura mutata». Così l’arcivescovo Diarmuid Martin ha sintetizzato le attese della sua comunità per il prossimo arrivo del Pontefice il 25 e il 26 agosto in occasione dell’Incontro mondiale delle famiglie. 

Presentando alla stampa uno degli appuntamenti più significativi di questi raduni internazionali, il festival delle famiglie che si terrà la sera di sabato 25 al Croke Park, il presule ha sottolineato la grande attesa che si respira in Irlanda. Francesco, ha spiegato monsignor Martin, «è visto come un Papa moderno»; per molti ha un «fascino speciale», la sua «umanità, il suo calore umano attraggono». Il suo grande talento sta nel modo in cui «conquista i cuori riguardo l’insegnamento di Gesù, non attraverso l’imposizione e il giudizio, ma convincendo e attraendo». Egli, ha aggiunto l’arcivescovo di Dublino, riafferma dottrine e norme morali, ma sa anche che tante persone hanno difficoltà, vivono in «aree grigie»; ma non per questo le esclude.

Poi, entrando più nello specifico della realtà dell’Irlanda, il presule ha sottolineato come il paese sia molto cambiato rispetto alla visita di Giovanni Paolo ii nel 1979. E Papa Francesco è consapevole di questo cambiamento: «Sa bene che ci sono molte dimensioni della tradizione del cattolicesimo e dell’impegno missionario irlandesi che si sono affievolite».

Certo, ha notato l’arcivescovo Martin, in una visita di poco più di 36 ore, il Pontefice non potrà «fare miracoli» e probabilmente non potrà neanche «disegnare una nuova road map per la Chiesa irlandese», potrà però fornire «gli strumenti per disegnarla». Con un’avvertenza: «Tutti dobbiamo capire che mentre è ancora possibile disegnare mappe su carta, oggi le mappe sono diverse, sono interattive e costantemente aggiornate», in questo senso il Pontefice solleciterà la Chiesa d’Irlanda a stare al passo con un mondo e una cultura che cambiano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE