Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Come parlare di Paolo VI

· Nuova edizione per il libro in cui nel 2001 Montini venne ricordato dal suo segretario ·

Lello Scorzelli«Studio per il ritratto di Paolo VI» (1968)

A tredici anni dalla prima uscita viene ripubblicato, in edizione ampliata, il libro curato da Pasquale Macchi Paolo VI nella sua parola (Brescia, Morcelliana, 2014, pagine 405, euro 25). "Chi ha avuto il dono privilegiato di vivere assieme a una persona così importante e così umile - scrive l’arcivescovo che fu segretario di Montini dal 1954 nell'introduzione -. così “pubblica” e così riservata, così austera e così delicata, deve fare molta fatica per riuscire a trasmettere la ricchezza sconfinata di questa esperienza".

Il Pontefice al Vaticano II con un antico codice del Vangelo

Di Paolo VI Macchi sottolinea soprattutto l'umiltà, che si è manifestata "nei modi più impensati e con una continuità impressionante: umiltà che nasce dalla fede e genera una fede sempre più coraggiosa".

Carlo Maria Martini, nella sua presentazione al libro, parla dei suoi incontri con il Papa, negli anni in cui fu rettore del Pontificio Istituto Biblico; in quelle occasioni, scrive Martini, "ammirai sia l’attenzione del Papa per l'esegesi biblica sia il suo assoluto rispetto per la libertà della ricerca scientifica".

Dopo la morte di Giovanni XXIII - racconta il cardinale Loris Francesco Capovilla nella postfazione al volume - Montini non partecipò alle cosiddette congregazioni generali che i porporati, sede vacante, tengono una o due volte al giorno. Partì da Milano per recarsi a Roma il 18 giugno 1963, alla vigilia dell’ingresso in conclave. Lo seguiva l’eco delle parole fatte risonare dentro le volte del duomo di Milano il 7 giugno. Il 21 giugno, al quinto scrutinio, accettò il papato assumendo il nome di Paolo. Dell’Apostolo delle genti imitò sin dai primi mesi l’impegno itinerante: l’impegno del concilio e l’aggiornamento secondo l’indicazione data dal suo antecessore: fedeltà e rinnovamento, il cammino del colloquio e dell’incontro con i popoli dei cinque continenti"

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE