Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Come morire per 38 euro al mese

· Gli operai di Dacca costretti a tornare al lavoro nonostante l’instabilità del palazzo ·

Gli operai del Rana Plaza, il palazzo di otto piani crollato mercoledì mattina alla periferia di Dacca, in Bangladesh, sono stati obbligati a tornare al lavoro nonostante l’accertata instabilità dell’edificio. La polizia aveva infatti avvertito i proprietari delle diverse fabbriche tessili presenti all’interno, delle crepe scoperte il giorno precedente e aveva chiesto di fare sgomberare la costruzione. E’ quanto riferiscono i media locali, mentre si è appreso che la paga  mensile degli operai tessili coinvolti nella sciagura non superava i 38 euro.

Il bilancio dei morti è intanto salito a 332 mentre altri 40 superstiti sono stati tratti in salvo nella notte. E oggi in un tweet, Papa Francesco ha invitato i suoi follower a unirsi a lui nella preghiera per le vittime della tragedia, chiedendo a Dio conforto e forza per le loro famiglie.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE