Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Come le dita della mano

· ​All’udienza generale il Pontefice parla dei figli e invita a pregare per il Concistoro ·

L’invito a «pregare per il Concistoro che avrà luogo nei prossimi giorni» è stato rivolto da Papa Francesco ai fedeli presenti all’udienza generale di mercoledì 11 febbraio, in piazza San Pietro.

«Lo Spirito Santo — ha detto — assista i lavori del Collegio cardinalizio e illumini i nuovi cardinali e il loro servizio alla Chiesa». In precedenza il Pontefice, proseguendo nel ciclo di catechesi dedicate alla famiglia, si era soffermato sulla figura dei figli e aveva sottolineato in particolare il «legame stretto fra la speranza di un popolo e l’armonia fra le generazioni». Una società «avara di generazione, che non ama circondarsi di figli, che li considera soprattutto una preoccupazione, un peso, un rischio, è una società depressa» ha affermato. E richiamando l’insegnamento della madre, ha paragonato i figli alle dita di una mano: «sono differenti, ma tutti figli».

Il testo della catechesi del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE