Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Com’è grande!

· Il congresso mondiale che ha chiuso il quinto centenario della nascita di Teresa ·

«Teresa patrimonio dell’umanità» è stato intitolato il congresso mondiale che si è svolto ad Ávila all’università della Mistica dei carmelitani scalzi dal 21 al 28 settembre scorso, a chiusura del quinto centenario della nascita di Teresa di Gesù. La sua testimonianza di vita e di fede infatti ha oltrepassato i secoli e, ancor oggi, richiama per la sua vitalità non solo chi la segue sulla strada dei consigli evangelici — come le figlie e i figli della sua riforma — ma anche innumerevoli laici e tante persone lontane dalla fede.

Filippo della Valle, Teresa d’Ávila (XVIII secolo)

Patrimonio dell’umanità è una definizione audace. Paolo VI, però, l’aveva in qualche modo anticipata quando di lei scrisse «com’è grande, com’è unica, com’è umana!». Un rapido sguardo sullo svolgimento del congresso sarà sufficiente per comprendere lo spessore del lascito teresiano: non un reperto archeologico, ma linfa che scorre ancora limpida e vitale.

Hanno parlato psichiatri, biblisti, specialisti — come il segretario dell’Unesco per il dialogo interreligioso, Francesc Torradeflot — che le hanno riconosciuto una straordinaria creatività e una grande intelligenza, risorse che le hanno permesso di affrontare le difficoltà e di diventare un ponte di dialogo, di incontro e di comunione.

Conferenze, simposi paralleli, relazioni, tavole rotonde e concerti hanno fatto emergere le diverse sfaccettature di Teresa dottore della Chiesa e donna integra che seppe aprirsi un varco in una società maschilista.

Secondino Castro — teologo, biblista e specialista di Teresa — ha parlato della sua esperienza trascendentale, ovvero della sua mistica senza i fenomeni mistici, e ha affermato che l’esperienza teresiana di Dio è stata spesso interpretata alla luce della sua fenomenologia e chiarita da questa impostazione metodologica. Non sempre però così accade, tanto che sarebbero auspicabili ulteriori studi in questo campo. La sua mistica comunque si rivela come mistica radicata nella Scrittura.

Nella quarta giornata del convegno, Julia Kristeva, autrice di Thérèse mon amour (2008), ha tenuto insieme a chi scrive la relazione «Teresa di Gesù “umanista” una visione da angoli contrastanti». Le grandi tradizioni mistiche islamiche e induiste si sono poi confrontate in una tavola rotonda.

Ma è sembrata Teresa stessa a guidare con la sua presenza e il suo spirito i cinquecento partecipanti al convegno e le migliaia di persone collegate in rete, invitando a camminare verso quella meta già tracciata da Paolo VI quando proclamò la santa dottore della Chiesa: «Il centro della dottrina spirituale di Teresa è Cristo che rivela il Padre, ci unisce a lui e ci associa a sé» e «l’umanità di Cristo assume intimamente l’uomo che a lui interamente si affida, nel mistero della sua morte, risurrezione e vita gloriosa presso il Padre. Per questo l’umanità sacratissima di Cristo comprende ogni nostro bene e salvezza». 

da Ávila Cristiana Dobner

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE