Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Combattimenti in Yemen

· Mentre l’Onu cerca di organizzare trattative tra le parti in conflitto ·

oldati filogovernativi  nella provincia yemenita di Marib (Reuters)

Tredici ribelli huthi sono morti ieri nel corso di combattimenti con le forze governative del presidente Abd Rabbo Mansour Hadi, nel sud dello Yemen. A riferirlo è una fonte militare citata dall’Afp. I ribelli, che circolavano a bordo di due autoveicoli, sono stati colpiti dai colpi di mortaio nei pressi della città di Damt, seconda località della provincia di Dhaleh. La zona era stata riconquistata dalle forze governative quest’estate, ma la scorsa settimana i ribelli huthi sono riusciti a riprendere il controllo di Damt con una vasta offensiva.

Nel frattempo, il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha confermato che a Ginevra si svolgerà entro questo mese una nuova sessione di negoziati tra le parti in conflitto. «Il mio inviato speciale nello Yemen ha l’intenzione di convocare questo mese una nuova consultazione di pace in Svizzera» ha dichiarato Ban Ki-moon al quarto summit tra i Paesi arabi e latino- americani che si è tenuto nella capitale dell’Arabia Saudita, Riad. Il segretario generale ha poi ribadito che il Governo yemenita e gli huthi «si sono impegnati a partecipare» ai colloqui di pace. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE