Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Clima e commercio

· I temi al centro della visita del presidente francese Macron in Cina ·

Nella sua seconda giornata di visita ufficiale in Cina, dopo aver rilanciato ieri l’impegno comune di Bruxelles e di Pechino a difesa dell’ambiente, il presidente francese Emmanuel Macron ha avuto oggi un colloquio bilaterale con il presidente Xi Jinping. I due leader hanno presieduto alla firma di circa cinquanta accordi, alcuni dei quali in settori strategici come energia nucleare e aerospazio.

Macron e Xi Jinping  durante la conferenza stampa a Pechino (Reuters)

«L’Europa è tornata, sono qui per portare le nostre relazioni nel xxi secolo» ha dichiarato Macron nel suo discorso iniziale. «Il futuro ha bisogno di Francia, Europa e Cina: siamo la memoria del mondo» ha affermato il capo dell’Eliseo, durante la prima tappa del viaggio presidenziale a Xian, antica capitale imperiale e porta di ingresso della antica via della Seta. Macron ha dunque sottolineato che l’Ue «deve raccogliere la sfida della nuova via della Seta», il grande progetto commerciale annunciato dal presidente Xi con un celebre discorso nel 2013. Tuttavia, Macron ha ribadito la necessità di scongiurare una «nuova egemonia». È stato chiaro nell’affermare che «l’Europa guarda con favore al colossale progetto cinese che prevede infrastrutture per oltre mille miliardi di dollari», sottolineando però che «queste strade vanno percorse nei due sensi, non possono essere lo strumento di una nuova egemonia per mettere in stato di vassallaggio i paesi che attraversano». Prima di incontrare Xi Jinping a Pechino, Macron lo ha elogiato pubblicamente per aver mantenuto gli accordi di Parigi sul clima dopo il passo indietro degli Stati Uniti. «Pechino ha dimostrato consapevolezza e grande senso di responsabilità», ha detto, lanciando la proposta di organizzare «un anno franco-cinese della transizione ecologica» fra il 2018 e il 2019, e chiedendo l’appoggio della Cina al progetto di vedere riconosciuto un «diritto internazionale dell’ambiente» proposto dalla Francia all’Onu.  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE