Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Clima di cooperazione

· Durante l’incontro con Obama il presidente cinese Xi Jinping annuncia un programma per la riduzione dei gas serra ·

Attorno alla lotta ai cambiamenti climatici e al taglio delle emissioni inquinanti nasce il nuovo rapporto bilaterale tra Stati Uniti e Cina. Il presidente Xi Jinping — durante l’incontro a Washington con Barack Obama — ha ieri specificato il programma con cui il proprio Paese intende realizzare le premesse contenute nell’iniziativa congiunta annunciata a Pechino lo scorso anno. Si tratta di un’intesa dalla quale dovrebbe nascere un nuovo sforzo multilaterale in vista della conferenza di Parigi sul clima.

Pechino sostanzialmente si impegna a introdurre dal 2017 un programma nazionale — il cosiddetto cap and trade, mai adottato in precedenza — che limiterà e imporrà un prezzo alle emissioni di gas serra. Verrà inoltre garantito sostegno alle attività meno inquinanti, mentre circa 20 miliardi di yuan (3 miliardi di euro) verranno devoluti ai Paesi in via di sviluppo che opteranno per le energie rinnovabili. Gli Stati Uniti, dal canto loro, hanno ribadito la volontà di implementare il Clear Power Plan per ridurre le emissioni nel settore della generazione elettrica del 32 per cento entro il 2030.

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha espresso apprezzamento per l’annuncio. Esso, ha sottolineato in una nota «rafforza le prospettive per arrivare ad un accordo universale e significativo a Parigi».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE