Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Clelia e Francesco

Due catechesi per Papa Francesco in aula Paolo VI. E la seconda — del tutto improvvisata e imprevedibile — è stata di un’efficacia dirompente per la sua concretezza e per una bellissima protagonista. Un’originale catechesi “pratica” che Francesco ha proposto guardando Clelia Manfellotti, una ragazza autistica di 10 anni, venuta da Napoli per incontrarlo con la mamma e con gli zii.

Il Papa con padre Giuseppe Pisanelli

Mentre il Papa teneva la catechesi “ufficiale”, Clelia non è stata ferma un attimo: seduta nel settore riservato alle persone ammalate e disabili — in prima fila — ha salito rapidamente le scale dell’aula Paolo VIed è stata per tutto il tempo vicino a Francesco, facendo pure qualche corsetta. Una presenza tenerissima che ha arricchito il messaggio del Papa, creando nell’aula ancor più un clima di famiglia, con un’attenzione alla fragilità e, più precisamente, alla questione dell’autismo in tutte le sue problematiche. «Dio parla attraverso i bambini» ha detto Francesco ai suoi collaboratori, invitando a non fermare o allontanare Clelia e a lasciarla libera di muoversi.

Proprio guardando Clelia, nella sua “debolezza”, il Papa ha proposto di getto una riflessione schietta, rilanciando i contenuti che volle suggerire, nel giugno 2016, in occasione del Giubileo per le persone con disabilità, puntando decisamente su inclusione, rispetto, dignità e anche attenzione alle famiglie: «Io domando una cosa, ma ognuno risponda nel suo cuore: ho pregato per lei, vedendola, ho pregato perché il Signore la guarisca, la custodisca? Ho pregato per i suoi genitori e per la sua famiglia? Sempre quando vediamo qualche persona sofferente dobbiamo pregare. Che questa situazione ci aiuti sempre a fare questa domanda: ho pregato per questa persona che ho visto, che si vede che soffre?».

Francesco non ha mancato di benedire Clelia, stringendola a sé, e di incoraggiare la mamma, alle prese con le mille questioni che una famiglia con un figlio con disabilità grave deve quotidianamente affrontare. Davvero una catechesi “pratica”, dunque, che la bellezza della vita di Clelia ha reso di grande efficacia.

In questa prospettiva, significativo è stato anche l’abbraccio del Papa alla comunità del movimento Fede e Luce della parrocchia di Folgosa e San Pietro Finis, della diocesi portoghese di Oporto. «Seguendo la testimonianza di Jean Vanier — spiegano il coordinatore Sérgio Pinto e l’assistente spirituale padre Joaquim Domingos de Cunha Areais — da settembre siamo accanto a dieci giovani con disabilità mentale che, giorno per giorno, si stanno integrando sempre meglio e vivono la gioia della loro vita di fede con le famiglie e i ragazzi che li sostengono».

Tra i presenti, padre Giuseppe Pisanelli, 93 anni, un frate minore della provincia di Benevento che ha voluto festeggiare con il Papa i settant’anni di sacerdozio. E Francesco gli ha riservato un’accoglienza del tutto particolare.

Il Pontefice ha salutato inoltre Michał Kurtyka, segretario di Stato del ministero dell’Ambiente della Polonia e presidente della Conferenza sul clima (Cop24), organizzata delle Nazioni Unite a Katowice a dicembre. Ad accompagnarlo l’ambasciatore polacco presso la Santa Sede, Janusz Kotański. In quella occasione è stato adottato il Katowice Rulebook che, in applicazioni agli Accordi di Parigi del 2015, introduce linee guida di fronte ai cambiamenti climatici. Con una particolare attenzione all’enciclica Laudato si’, per un approccio sociale e solidale nel quadro ecologico, cercando di dare risposte al «grido dei poveri».

Prima dell’udienza generale, nell’auletta, Papa Francesco ha incontrato i partecipanti all’ottavo incontro del Gruppo di lavoro tra la Santa Sede e la Repubblica Socialista del Vietnam che si tiene in Vaticano il 21 e il 22 agosto. Il Pontefice ha salutato personalmente i componenti della delegazione vietnamita guidata dal vice-ministro degli Affari esteri, To Anh Dung, e accompagnata da monsignor Antoine Camilleri, sotto-segretario per i Rapporti con gli Stati.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE