Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Civili yemeniti  assediati

· Negli scontri a Taiz ·

La popolazione cerca di fuggire dalla città  di Taiz nel sud dello Yemen (Ap)

Sempre più drammatica la condizione dei civili yemeniti vittime della guerra tra le forze lealiste del presidente Abd Rabbo Mansour Hadi e i ribelli huthi. Organizzazioni umanitarie hanno accusato ieri i ribelli huthi di bloccare l’accesso di cibo e materiale sanitario nella città di Taiz dove, secondo fonti mediche, almeno 18 persone, tra cui cinque bambini, sono morte negli ultimi mesi a causa della mancanza di bombole di ossigeno negli ospedali. Gli huthi e le forze loro alleate mettono in pericolo le vite di migliaia di civili bloccando l’ingresso di rifornimenti cruciali di cibo e materiale sanitario da tre mesi, affermano le organizzazioni umanitarie, sottolineando poi che tutte le vie di accesso a Taiz, terza città del Paese, sono controllate dai ribelli.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE