Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Civili iracheni tornano alle loro case

· Oltre 650.000 nei territori strappati all’Is ·

Nonostante la battaglia nell’area di Falluja continui a imperversare, sono già 656.000 i civili iracheni sfollati che hanno potuto fare ritorno alle loro case in territori strappati dalle forze governative al controllo del cosiddetto Stato islamico (Is). A darne notizia è stata ieri Lisa Grande, numero due della missione delle Nazioni Unite in Iraq (Unami) e coordinatrice per le operazioni umanitarie, aggiungendo che l’Is ha perso il 35 per cento del territorio che aveva conquistato.

Una famiglia irachena in fuga da Falluja (Ap)

In un comunicato, Grande ha sottolineato che i Paesi della coalizione internazionale a guida statunitense hanno fornito almeno 120 milioni di dollari per mettere in sicurezza e ricostruire le città irachene riconquistate dai governativi, e ha precisato che tra gli interventi già realizzati vi sono il ripristino totale delle reti di elettricità a Tikrit e la fornitura di acqua potabile per 80.000 persone. La numero due dell’Unami ha spiegato poi che «presto sarà riaperto» il valico di Trebil al confine con la Giordania, «così che i profughi iracheni all’estero potranno usarlo per rientrare nel loro Paese e potrà riprendere il traffico commerciale». E se in Iraq iniziano lentamente a intravedersi segnali di un ritorno alla normalità, in Siria invece la situazione appare molto diversa. Ieri il Governo ha autorizzato l’Onu a consegnare aiuti umanitari via terra a dodici villaggi interessati dai combattimenti tra esercito e ribelli. Resta tuttavia in sospeso la richiesta di fornire aiuti tramite i lanci aerei. Sul piano militare, da segnalare che la portaerei statunitense Harry Truman ha lanciato ieri per la prima volta raid aerei contro l’Is dal Mediterraneo orientale. Era dall’inizio della guerra in Iraq nel 2003 che l’esercito statunitense non usava una portaerei per colpire obiettivi in Medio oriente. La Marina statunitense non ha però specificato se gli obiettivi siano stati colpiti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE