Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cinque milioni di nigeriani a rischio fame

· A causa delle ripetute violenze dei terroristi di Boko Haram ·

Sono oltre cinque milioni le persone che soffrono la fame e hanno urgente bisogno di assistenza alimentare a causa delle violenze del gruppo terroristico Boko Haram nel nord-est della Nigeria. A presentare questa cifra è un recente rapporto del Programma alimentare mondiale (Pam).

Centinaia di nigeriani in fuga verso l’Europa attraversano il Mediterraneo (Ap)

E il peggioramento dell’economia nigeriana potrebbe presto aggiungere a questa cifra un altro milione di persone entro il mese prossimo. «La notizia arriva quando, solo nei giorni passati, decine di persone sono state uccise o ferite in Nigeria e nei Paesi vicini del Ciad, del Camerun e del Niger, un segnale che la violenza di Boko Haram continua a spingere sempre più persone alla fame e alla sofferenza», ha detto Abdou Dieng, direttore regionale del Pam per l’Africa occidentale.

Secondo il rapporto, il numero di persone che vivono in un grave stato di insicurezza alimentare — soprattutto negli Stati di Borno, di Yobe e di Adamawa — è quadruplicato da marzo 2016. Queste persone hanno bisogno di assistenza alimentare per sopravvivere. Si stima che oltre 65.000 persone, che vivono nelle aree da poco liberate, ma ancora inaccessibili nel Borno e nel Yobe, vivano in condizioni vicine alla carestia. «Tutti segnali che dipingono una situazione estremamente grave. E con l’arrivo delle piogge e dell’intensificarsi della stagione di magra, man mano che molte aree tornano accessibili agli aiuti umanitari, il quadro completo della fame e della devastazione diventerà evidente» ha aggiunto il direttore regionale del Pam. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE