Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ci sono i bambini
al centro del regno di Dio

· ​Venerdì 4 marzo la Giornata mondiale di preghiera ·

Per la prossima Giornata mondiale di preghiera giunge da Cuba un appassionato invito a spalancare il cuore alla fraternità, alla condivisione, all’incontro, a partire da chi è più fragile e povero. E chi è più debole e indifeso di un bambino? Chi accoglie un bambino accoglie me: questo il tema che venerdì 4 marzo sarà celebrato in più di centosettanta nazioni grazie all’impegno di numerosi comitati femminili interconfessionali locali, nazionali, internazionali, tutti in rete fra di loro. 

Il logo della Giornata, opera di Ruth Mariet Trueba Castro, raffigura la mano di una donna bianca che stringe con tenerezza quella di un bimbo dalla pelle scura. Entrambi si avviano con fiducia su una strada, abbracciati da una luce intensa. Tornano alla mente le parole del politico e scrittore cubano José Martí: «Lavoriamo per i bambini perché sono coloro che sanno come amare, perché sono la speranza del mondo». Per realizzare il frontespizio, la giovane artista ha scelto il contorno della finestra di una chiesa. Sulla strada che si scorge all’interno, le palme e un carro tirato da un asino alludono al paesaggio cubano e al lavoro quotidiano.
La Giornata mondiale di preghiera, una delle più antiche iniziative in ambito ecumenico, affonda le sue radici nel lontano 1887, in un’America segnata dagli strascichi della guerra di secessione e da tanti drammi sociali collegati all’impetuoso aumento della popolazione. Fin dalle origini, coerentemente col motto «Informarsi per pregare, pregare per agire», la Giornata ha avuto lo scopo di sensibilizzare le partecipanti ai problemi del momento, per intraprendere concrete iniziative di solidarietà con cuori resi dalla preghiera più attenti e sensibili alle sofferenze del prossimo, e con sguardi divenuti più solleciti e misericordiosi.

di Donatella Coalova

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE