Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Chiuso in Eritrea
anche l’ultimo ospedale cattolico

 In Eritrea anche l’ultimo ospedale cattolico è stato chiuso. Venerdì scorso, le suore che gestivano la struttura di Zager sono state allontanate dalle forze dell’ordine e sulle porte sono stati apposti i sigilli. Alle religiose è stato intimato di lasciare l’ospedale immediatamente ed è stato impedito loro di portare con sé le attrezzature ospedaliere. L’ospedale forniva servizi di maternità e assistenza medica generale per il villaggio di Zager a una trentina di chilometri dalla capitale, Asmara. Nelle ultime settimane, 22 ospedali e cliniche cattoliche sono stati chiusi. Nelle loro lettere pastorali, i vescovi cattolici hanno chiesto profonde riforme politiche nel Paese che, attualmente, non ha una Costituzione e non ha mai organizzato elezioni presidenziali e legislative. Il governo ha risposto che le chiusure sono in linea con le norme introdotte nel 1995, che limitano le attività delle istituzioni religiose, dalle scuole ai progetti agricoli, dagli ospedali all’assistenza degli anziani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE