Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alla ricerca di nuovi approcci

· Il dibattito sull’immigrazione dopo il voto a Berlino ·

Il popolo tedesco sta forse sconfessando i principali partiti della coalizione che guida il paese con a capo Angela Merkel, soprattutto a causa della politica migratoria attuata dalla cancelliera nel 2015? È quello che si potrebbe pensare all’indomani delle elezioni a Berlino, tenutesi lo scorso 18 settembre. 

La cancelliera tedesca Angela Merkel (Afp)

A due settimane dalla sconfitta nel Meclemburgo - Pomerania Anteriore, dove la Cdu (cristiano-democratici) della cancelliera si è piazzata al terzo posto dietro il partito populista anti-migranti Alternative für Deutschland (Afd), nella capitale le due formazioni della grande coalizione al governo, i socialdemocratici dell’Sdp e la Cdu, hanno di fatto visto la loro influenza diminuire. Come va interpretata questa tendenza? Secondo Klaus Barwig, responsabile delle questioni legate alle migrazioni presso l’Accademia della diocesi di Rottenburg-Stoccarda, si tratta di un segno della sfiducia dei cittadini verso il partito al potere. Al tempo della Brexit, con il Gruppo di Visegrad ancora attivo e un’Europa del sud che deve far fronte a un flusso continuo di rifugiati, mentre la Germania è ora meno interessata dal fenomeno, l’unità del vecchio continente costituisce una vera sfida, di fronte alla quale i cattolici hanno un ruolo da svolgere. Nel 2017 ricorrerà il sessantesimo anniversario del Trattato di Roma, voluto da molti leader cristiani europei. «Questo dovrebbe essere oggetto di dibattiti speciali con i nostri fratelli e sorelle nella fede e con la loro gerarchia nei paesi orientali vicini all’orientamento cattolico» auspica Barwig, che ritiene «urgente e necessario» un dialogo tra i cristiani degli Stati dell’Europa occidentale e orientale. «In un mondo globalizzato — prosegue — abbiamo bisogno di risposte diverse da quella della chiusura delle frontiere. Vedremo se le nostre Chiese saranno capaci di negoziare una forma di giustizia internazionale (e non nazionale) nel senso della dottrina sociale cattolica, sempre orientata al benessere dell’intera umanità».

di Charles de Pechpeyrou

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE