Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Chiamati a portare insieme
Dio al mondo

· ​Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei ·

La giornata del 17 gennaio, che la Chiesa in Italia, in Polonia, in Austria e nei Paesi Bassi festeggia come il “Giorno dell’ebraismo”, offre un’ottima occasione per ricordare l’importanza della dichiarazione conciliare Nostra aetate (n. 4) quale fondamento del dialogo ebraico-cattolico. Il 28 ottobre 1965 questo documento, decisivo per il dialogo con l’ebraismo, venne approvato dal concilio Vaticano ii e promulgato da Papa Paolo vi; il 2015 segna quindi il cinquantesimo anniversario della sua promulgazione. Cinquant’anni di dialogo ufficiale con l’ebraismo da parte della Chiesa cattolica sono un motivo sufficiente per ringraziare il Dio di Israele, che è anche il Dio dei cristiani, per i buoni frutti prodotti dalla nostra comune collaborazione. Di fatti, la storia degli effetti di Nostra aetate (n. 4) negli ultimi cinquant’anni è una storia di successo, nella quale interlocutori scettici e diffidenti si sono progressivamente trasformati in amici, capaci di superare insieme anche le fasi più critiche.

di Norbert Hofmann

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE