Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Chiamata alla ragione

Si riparte da qui, dalle quattro pagine fitte fitte del documento conclusivo che, alla fine della prima giornata dei lavori, hanno firmato tutti i sindaci presenti in Vaticano per discutere di traffico degli esseri umani e tutela dell’ambiente. Un documento che impegna i firmatari a un “coraggioso” monitoraggio per la salvaguardia del creato e a favore dei più bisognosi.

Sergio Lai, «La città in gabbia» (2010)

Il proposito degli amministratori locali di rendere le città più inclusive, sicure ed ecosostenibili e di combattere le nuove forme di schiavitù è il primo risultato del summit promosso dalla Pontificia Accademia delle scienze sociali che si conclude oggi, mercoledì 22 luglio. Si tratta di una dichiarazione che mette insieme ecologia per l’ambiente ed ecologia umana. Del resto ai sindaci, Francesco ha chiesto di essere «seminatori di cambiamento».

Aprendo i lavori della seconda giornata del summit, il direttore del network sullo Sviluppo sostenibile delle Nazioni unite, Jeffrey Sachs, ha messo in evidenza l’impegno del Palazzo di vetro. Per la prossima assembla generale di settembre, ha detto, «sono stati fissati diciassette obiettivi concreti e raggiungibili, tra i quali: porre fine alla povertà estrema, garantire cure e accesso all’istruzione secondaria per tutti, tenere sotto controllo il cambiamento climatico partendo dalle città».

Dal canto loro, i sindaci hanno portato la testimonianza diretta della loro attività amministrativa e delle loro scelte in tema di clima. «L’enciclica di Papa Francesco — ha detto mercoledì mattina Bill de Blasio, sindaco di New York — non è una chiamata alle armi è una chiamata alla ragione. Siamo qui oggi per metterla in pratica, da sindaci abbiamo più strumenti di quello che pensiamo. Chi non si impegna — ha aggiunto — non sta facendo abbastanza». Il sindaco di New York ha sottolineato anche la necessità di creare un pensiero critico in tema ambientale: «È solo la percezione della gente sull’urgenza di risolvere il problema che potrà salvarci», ha concluso.

Il governatore della California, Jerry Brown, ha parlato delle iniziative intraprese nel suo Stato, dove si sono adottati standard più rigorosi nel controllo delle emissioni di gas serra. Brown ha invitato i sindaci a non essere compiacenti con quanti negano gli effetti del surriscaldamento del pianeta.

Tra gli interventi anche quello di Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, che ha ricordato il viaggio del Papa nell’isola siciliana, sottolineando come da allora l’Europa abbia aperto gli occhi sul problema, ma non abbia ancora affrontato adeguatamente la questione dei flussi migratori. Nicolini ha definito «risibile» l’accordo europeo sulla ripartizione dei migranti nei diversi Paesi dell’Unione.Il legame tra schiavitù e cambiamenti climatici è stato invece al centro dell’intervento del sindaco di Kochi, Tony Chammany: anni di siccità indotta dal riscaldamento globale in India hanno spinto milioni di agricoltori impoveriti nelle città, trasformandoli in vittime degli «oscuri signori dello schiavismo e dello sfruttamento».

«Papa Francesco crede nel ruolo e nell’opera di noi sindaci e ci sprona allo stesso tempo a credere nelle nostre potenzialità, richiamandoci ad assumere un impegno concreto e a precise responsabilità», ha commentato al margine dei lavori di stamane il presidente dell’Associazione nazionale dei comuni italiani, Piero Fassino.

La dichiarazione sottoscritta dai sindaci — ha commentato Eduardo Accastello, sindaco di Villa Maria, in Argentina — riconosce la guida e l’autorità spirituale di Papa Francesco, il quale ci ricorda che «non c’è rispetto per se stessi e per l’ambiente se non c’è rispetto per gli altri».

di Silvina Pérez

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE