Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Chi non vuole vedere la luce

· All’Angelus il Pontefice parla del dramma della cecità interiore ·

Papa Francesco ha messo in guardia i cristiani dal rischio di sprofondare nella “cecità interiore” che chiude il cuore alla grazia e alla luce di Dio. Lo ha fatto all’Angelus di domenica 30 marzo, in piazza San Pietro, parlando del brano evangelico della guarigione del cieco nato e sottolineando che spesso la vita dei credenti “è un po’ come quella dei dottori della legge: dall’alto del nostro orgoglio giudichiamo gli altri, e perfino il Signore”. Da qui l'invito a un esame di coscienza che parta dalla lettura del capitolo 9 del Vangelo di Giovanni, nel quale ciascuno può “leggere questa storia del cieco che è diventato vedente e dei presunti vedenti che si sono affondati di più nella loro cecità”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE