Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Cercasi laici
per ottime omelie

· ​In aiuto ai predicatori di Francia e Belgio ·

Pubblichiamo un articolo uscito su «La Croix» del 10-11 giugno.

Rendere le omelie «attraenti, comprensibili e memorizzabili, per raggiungere meglio i cuori e le menti». È a questo che lavora il Service d’optimisation des homélies (Soh – servizio di ottimizzazione delle omelie) quando propone ai predicatori «laboratori di comunicazione» che permettano loro di rispondere meglio «alle attese e alle aspirazioni di chi ascolta oggi». 

I gruppi del Soh sono già presenti in dieci diocesi francesi, nonché a Bruxelles. In occasione del suo decimo anniversario, l’associazione cerca nelle regioni nuovi volontari laici, desiderosi di costituire il proprio gruppo locale per animare, presso gli oratori religiosi, sessioni per piccoli gruppi e coaching individuale.
Il loro metodo? «Combinare la pratica di esercizi dinanzi ad ascoltatori benevoli e la formulazione di raccomandazioni», si legge nel sito dell’associazione, il cui accompagnatore spirituale è monsignor Michel Aupetit, vescovo di Nanterre, e che s’inscrive nella scia dell’esortazione apostolica Evangelii gaudium di Papa Francesco e del sinodo per la nuova evangelizzazione.
Qual è il profilo richiesto dal Soh? «Cattolici laici impegnati, che abbiano tassativamente familiarità con la presa di parola in pubblico — insegnanti, medici, attori, manager — e che siano convinti dell’importanza di proclamare la buona novella e consapevoli degli sforzi che ciò può richiedere», precisa Denis Le Chatelier, responsabile dei gruppi del Soh di Parigi, insistendo sulle qualità del rispetto e dell’umiltà, indispensabili per l’accompagnamento dei predicatori. «Tutti coloro che desiderano unirsi a noi, possono già parlarne ai sacerdoti, ai diaconi, ai rettori dei seminari che possono essere interessati da questa formazione», aggiunge. I nuovi volontari riceveranno poi una formazione prima di potere, a loro volta, offrire questo accompagnamento che, dalla creazione del Soh, ha già dato i suoi frutti presso quasi mille predicatori in Francia e in Belgio.

di Malo Tresca

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE