Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Accoglienza per delega

· A Bruxelles i leader di un’Ue divisa trattano con la Turchia per risolvere l’emergenza dei profughi e dei migranti ·

«Oggi continueremo le consultazioni e sono sicuro che raggiungeremo i nostri obiettivi di aiutare i rifugiati e di rafforzare le relazioni». 

Così il premier turco, Ahmet Davutoglu, al suo arrivo venerdì mattina al palazzo che ospita il vertice dei leader dell’Ue dove si è incontrato con il presidente del Consilio europeo, Donald Tusk, il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, e il premier olandese Mark Rutte, il cui Paese ha la presidenza di turno semestrale. In realtà si è trattato di diversi incontri, uno in mattinata e, successivamente, altri nel pomeriggio alla ricerca di un accordo sulla gestione dei flussi di migranti e profughi dalla Siria. Accordo che la delegazione turca punta a raggiungere «prima di cena», come scritto in un tweet.

Mentre andiamo in stampa Tusk ha convocato la sessione di lavori dei capi di Stato e di Governo, segno che sarebbe stata trovata con Ankara un’intesa su una bozza, sulla quale ora si avvierà la discussione tra i leader della Ue.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE