Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Caritas in Nepal
sempre presente

· ​Sostegno e aiuti umanitari per i terremotati ·

Continua senza sosta l’attività di sostegno e la fornitura di aiuti umanitari messi a punto dalla rete Caritas in Nepal, avviati già all’indomani del terremoto del 25 aprile scorso. Nei due mesi successivi al sisma l’ente caritativo nepalese ha raggiunto oltre 269.000 persone bisognose di assistenza e ha fornito circa 54.000 alloggi alle famiglie. La popolazione colpita ha ricevuto cibo, materiali per costruire alloggi temporanei, kit per l’igiene e beni di prima necessità. Caritas Nepal ha raggiunto numerose comunità isolate come quelle di Chepang e di Tamang, che vivono in villaggi remoti. Inoltre, sono state aiutate persone socialmente escluse e comunità indigenti come dalit e musulmani. Nei giorni scorsi, Caritas Nepal ha anche organizzato due giornate di formazione e riflessione per tutto il personale coinvolto, con la partecipazione del vicario apostolico in Nepal, monsignor Paul Simick. Durante l’incontro — come riferito dall’agenzia Fides — sono stati illustrati i frutti di un intenso lavoro di assistenza, svolto anche grazie agli aiuti e al sostegno di Caritas Internationalis. L’organizzazione sta programmando di raggiungere altre 11.000 famiglie, anche progettando di servire le comunità locali con iniziative di microcredito, programmi di formazione professionale, soprattutto nei settori dell’agricoltura e delle imprese rurali, avviando la fase della ripresa e della ricostruzione del tessuto sociale ed economico.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE