Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Carità intellettuale

· Un’espressione di probabile ascendenza agostiniana che ricorre negli scritti di Giovanni Battista Montini ·

E in un testo del 1931 si trova quasi una regola monastica per il tempo della secolarizzazione

La nomina pontificia, nel 2007, di Gianfranco Ravasi, prefetto per quasi un ventennio della Biblioteca Ambrosiana, alla guida dell’organismo preposto dalla Santa Sede alla cultura e, negli anni seguenti, l’impulso che come presidente ha impresso alla presenza della Chiesa di Roma nell’ambito culturale richiamano la dimensione della “carità intellettuale”. L’espressione è di probabile ascendenza agostiniana e si ritrova in Rosmini e Fogazzaro, ma su di essa soprattutto riflette Giovanni Battista Montini, il futuro Paolo VI, Papa che per più di un aspetto può essere accostato a uno degli ultimi quattro cardinali da lui creati nel 1977, il teologo Joseph Ratzinger, dal 2005 suo successore con il nome di Benedetto XVI.

Nel 1930 “carità intellettuale” viene scelta da Montini — in quel momento funzionario della Segreteria di Stato e nello stesso tempo assistente ecclesiastico nazionale della Fuci, la Federazione universitaria cattolica italiana — come titolo di un breve articolo scritto per la rivista studentesca «Azione fucina». Prendendo spunto da un testo di Pierre de Nolhac, lo studioso che aveva scoperto in Biblioteca Vaticana l’autografo del Canzoniere di Petrarca, Montini riflette su «una delle documentazioni più commoventi che ci riconciliano con il mondo moderno», e cioè due testi di Erasmo e di Pascal. «Anche la scienza può essere carità» scrive il giovane prelato bresciano, affermando subito dopo che «chiunque con l’attività del pensiero e della penna cerca diffondere la verità rende servizio alla carità». «L’attività intellettuale – continua Montini - che non accetta i limiti, i comandi, le applicazioni, i temperamenti, l’ardore, tutti elementi esteriori che non pregiudicano la onestà del suo operare, della vita vissuta, della sperimentale realtà umana, dove dolore, sentimento, moralità e bisogni sociali s’incontrano continuamente, rimane sterile».

Proprio la necessità di comunicare la verità appare preoccupazione principale di Montini: «Bisogna sapere essere antichi e moderni, parlare secondo la tradizione ma anche conformemente alla nostra sensibilità. Cosa serve dire quello che è vero, se gli uomini del nostro tempo non ci capiscono?» confida nel 1950, da oltre tredici anni ai vertici della Segreteria di Stato di Pio XII, durante il primo incontro con Jean Guitton. In coerenza con questo indirizzo nel 1965 papa Montini istituisce un Segretariato per i non credenti. Il suo successore Giovanni Paolo II nel 1982 gli affianca un Pontificio Consiglio della Cultura e a questo nel 1993 unisce l’organismo voluto da Paolo VI. Proprio questa struttura assume una delle iniziative più suggestive di Benedetto XVI, il Cortile dei gentili. Ed è il 1957 quando nella diocesi più grande del mondo viene indetta la “missione di Milano”, che Montini, arcivescovo della metropoli lombarda da tre anni, presenta ai «lontani» con parole di inusuale e franca autocritica: «Quando si avvicina un lontano, non si può non sentire un certo rimorso. Perchè questo fratello è lontano? Perchè non è stato abbastanza amato. Non è stato abbastanza curato, istruito, introdotto nella gioia della fede. Perchè ha giudicato la fede dalle nostre persone, che la predicano e la rappresentano; e dai nostri difetti ha imparato forse ad aver a noia, a disprezzare, a odiare la religione. Perchè ha ascoltato più rimproveri, che ammonimenti ed inviti. Perchè ha intravisto, forse, qualche interesse inferiore nel nostro ministero, e ne ha patito scandalo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE