Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Carità al femminile

· La beatificazione di Clara Ludovica Szczęsna ·

Papa Francesco ha definito Clara Ludovica Szczęsna una donna sempre pronta «ad accogliere la volontà di Dio e a curare con speciale carità i bisognosi, soprattutto bambine e infermi». Lo ha ricordato il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi che, in rappresentanza del Pontefice, ha presieduto domenica 27 settembre, a Cracovia, il rito di beatificazione della religiosa polacca, confondatrice della congregazione delle ancelle del Sacro Cuore di Gesù.

«Sono parole — ha detto il porporato — che esprimono bene la figura materna della beata, religiosa dal cuore grande e generoso verso tutti soprattutto verso i piccoli e gli ammalati». Il cardinale ha poi fatto notare come la sua spiritualità si sia formata alla scuola del Sacro Cuore di Gesù. Di conseguenza, ella «viveva una carità senza confini, persuasa che “chi non ama rimane nella morte”». Il porporato ha ricordato che la carità «trasforma i cuori e le menti degli esseri umani per una società più fraterna, accogliente e perdonante». Ed è la carità «il messaggio che la nuova beata ci lascia in questo giorno di festa». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE