Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per capirsi

· Il cardinale Girolamo Seripando e la Riforma cattolica ·

Attesa e auspicata ormai da molti decenni da parte della comunità scientifica, l’edizione della monumentale biografia dedicata dallo storico e teologo tedesco Hubert Jedin (1900-1980) al cardinale agostiniano Girolamo Seripando (1493-1563), uno dei massimi artefici del concilio di Trento, vede ora la luce in traduzione italiana — a distanza di quasi ottant’anni dalla prima edizione e di quasi settant’anni dalla versione parziale in lingua inglese — grazie alla collaborazione tra l’editrice Morcelliana e il Centro culturale agostiniano di Roma (Girolamo Seripando. La sua vita e il suo pensiero nel fermento spirituale del XVI secolo, Brescia 2016, due volumi, pagine 1328, euro 80). 

Ritratto del cardinale Girolamo Seripando, (stampa del 1636)

Lo scrive Rocco Ronzani aggiungendo che si tratta di un’opera miliare nella storiografia del concilio e della Riforma cattolica che Mario Bendiscioli (1903-1998) desiderava fosse tradotta dalla Morcelliana già dal 1938 e, di nuovo, tra gli anni Cinquanta e Sessanta quando, assieme a Massimo Marcocchi, Stefano Minelli e Giulio Colombi, lavorava all’edizione della Storia del Concilio di Trento di Jedin (Morcelliana, 1949-1981). Solo così, sosteneva Bendiscioli, si sarebbe potuta offrire al lettore italiano un’immagine completa, criticamente fondata, della Riforma cattolica. Della versione italiana fresca di stampa si è fatto carico proprio Giulio Colombi, storico traduttore dell’editrice bresciana e collaboratore in Morcelliana di Bendiscioli, insieme ad Attilia Dente e Angelo Maria Vitale, studioso del platonismo rinascimentale e della tradizione teologica eremitana, al quale si deve anche l’ampio e aggiornato saggio bibliografico sull’opera di Seripando e sulla sua ricezione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE