Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Capire
il mondo di oggi

I duemila numeri di «Catalunya Cristiana» segnano un traguardo importante e sono un’occasione per riflettere sul ruolo della stampa cattolica. Bisogna premettere che negli ultimi tempi il mondo della comunicazione si è evoluto e si evolve molto rapidamente e che di fronte alla diffusione dei nuovi media è evidente la crisi di quelli tradizionali. Altrettanto evidente è, in un contesto occidentale sempre più secolarizzato, la crescente scristianizzazione.

In questa situazione complessiva non è comunque giustificato il pessimismo. La stessa continua trasformazione dei nuovi media si rivela come limite di fronte alla stabilità dei supporti tradizionali, cioè della carta stampata: libri, riviste, quotidiani. Si sa che molto è andato perduto nel corso dei secoli, ma molto si conserva nelle biblioteche, mentre restano ignote le reali prospettive di conservazione dei dati digitali. Bisogna ricordare poi che la secolarizzazione ha purificato la fede cristiana, ma anche che senza di essa il mondo sarebbe più povero, e in parte incomprensibile. Senza rifiutare i nuovi media, è dunque lecito l’ottimismo sul futuro della stampa cattolica, e più in generale di ispirazione cristiana.

La storia insegna che va evitato un pericolo gravissimo, e cioè l’autoreferenzialità. Un giornale che si ispira alla fede cristiana infatti non deve guardare principalmente al suo interno. Ovviamente non può ignorare il messaggio che vuole comunicare, perché altrimenti perderebbe la propria identità. Ma deve saperlo trasmettere in modo aperto, con un linguaggio comprensibile e senza servire interessi estranei alla fede.

E se per la stampa cattolica l’apertura implica la volontà di cercare di capire il mondo di oggi, il linguaggio deve essere non clericale né gergale, cioè comprensibile a tutti. Ed evitare interessi estranei alla fede significa infine soprattutto il rifiuto di legarla a scelte politiche parziali, che possono essere legittime ma che restano opinabili e che porterebbero a nuovi integrismi. (g.m.v.)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE