Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Caos in Venezuela

· Dopo la sentenza del tribunale supremo nazionale che ha esautorato il parlamento ·

«Una grave battuta d’arresto per la democrazia in Venezuela». Così il dipartimento di stato americano ha definito la decisione del tribunale supremo di giustizia del Venezuela di assumere tutte le funzioni dell’assemblea nazionale, il parlamento unicamerale in mano all’opposizione antichávista. «Questa rottura delle norme democratiche e costituzionali — si legge in una nota — danneggia grandemente le istituzioni democratiche del Venezuela e nega al popolo il diritto di plasmare il futuro del suo paese attraverso i rappresentanti eletti».

Scontri tra agenti della Guardia nazionale e membri dell’opposizione a Caracas (Afp)

La mossa del tribunale supremo di giustizia, che consegna anche il potere legislativo nelle mani del presidente Nicolás Maduro, è stata contestata anche dall’Unione europea. «Il parlamento europeo sostiene l’assemblea nazionale, unico potere legittimato, e denuncia l’auto colpo di stato perpetrato dal regime del Venezuela» ha dichiarato il presidente del parlamento di Strasburgo, Antonio Tajani, su Twitter. Parole molto dure sono state pronunciate anche dal presidente dell’Argentina, Mauricio Macri, che ha espresso «preoccupazione» per la sentenza del tribunale e ha lanciato un appello «a favore della ricomposizione dell’ordine democratico» a Caracas. Macri ha incontrato Lilian Tintori, moglie del leader dell’opposizione venezuelana Leopoldo López, attualmente in carcere e considerato un prigioniero politico dall’opposizione e da numerosi gruppi di difesa dei diritti umani. Al termine della riunione, Macri ha chiesto «la liberazione di tutti i prigionieri politici e la definizione di un calendario elettorale certo» in Venezuela. Diversa la linea del governo boliviano del presidente Evo Morales, che ha espresso oggi il suo «appoggio incondizionato» a Maduro. L’opposizione antichávista ha parlato di «colpo di stato in piena regola» chiamando i cittadini in piazza a partire da domani, sabato. Ha poi lanciato un appello alle Forze armate «perché appoggino il parlamento». Ieri un gruppo di deputati dell’opposizione è stato aggredito da alcuni militari della Guardia nazionale e da membri di organizzazioni pro-Maduro, mentre tentavano di avvicinarsi alla sede del tribunale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE