Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cancellate tre milioni di indiane

L’ultimo studio del Centro statistico nazionale indiano è inequivocabile: nel 2011, tre milioni di indiane sono mancate all’appello perché abortite o fatte morire dopo la nascita. Nonostante la legge del 2003 — che mise fuorilegge l’uso dell’ecografia per rivelare il sesso del nascituro — e le campagne internazionali, lo squilibrio demografico continua a essere una realtà nel continente indiano, diffusa tra tutti i ceti sociali. Nel 2000 Amartya Sen denunciò gli oltre 60 milioni di bambine mancanti all’appello in Asia per strategie consapevoli e distorte. Un grido che rimbomba ancora in tutta la sua immutata attualità.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE