Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Campagna di vaccinazione
per i bambini

· ​Mentre i sostenitori di Maduro scendono in piazza contro Bachelet ·

L’Unicef ha dato inizio ieri a una massiccia campagna di vaccinazione in Venezuela contro la poliomielite a favore di più di 1,3 milioni di bambini, minori di 5 anni. Oltre all’agenzia Onu, la campagna è coordinata dal ministero della Salute, con il sostegno della Pan American Health Organization (Paho). «Proteggere i bambini da questa malattia prevenibile è un imperativo morale» ha affermato Maria Cristina Perceval, direttore regionale dell’Unicef per l’America Latina e i Caraibi. Dal 1994 i casi di tale malattia erano stati completamente debellati e le Americhe erano state dichiarate come zone prive di rischio. Il poliovirus necessita tuttavia di una vaccinazione costante, non trascurabile a causa della potenziale minaccia che rappresenta. Oltre ai vaccini contro la polio, l’Unicef ha disposto per il Venezuela la fornitura di quasi 6,7 milioni di dosi di vaccino contro la difterite e 176.000 dosi di morbillo, parotite e rosolia. Sul fronte politico, a seguito della dura lettera che Maduro ha indirizzato venerdì all’Alto commissario Onu per i Diritti umani, lamentando «gravi errori, false accuse e omissioni» nel recente rapporto sul Venezuela, ieri migliaia di sostenitori del presidente si sono radunati in piazza a Caracas per protestare proprio contro Michelle Bachelet. Dopo la chiamata alla mobilitazione generale, chiesta dallo stesso Maduro tramite un tweet, i manifestanti hanno sfilato fino alla sede della vicepresidenza della Repubblica, non lontano dal Palazzo di Miraflores. Alle Nazioni Unite e in particolare alla Commissione interamericana per i Diritti umani si era rivolto sabato tramite twitter anche Juan Guaidó, denunciando il rapimento da parte delle autorità di «due membri» della sua equipe.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE