Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Campagna di fraternità per la vita

· L’iniziativa annuale dei vescovi brasiliani ·

Sarà dedicata alla difesa del creato e all’educazione ambientale l’annuale Campagna di fraternità promossa dalla Chiesa cattolica in Brasile durante il periodo quaresimale. Tema dell’iniziativa, che partirà appunto il mercoledì delle Ceneri, sarà «Fraternità e vita sul pianeta».

Scopo dell’evento — spiegano gli organizzatori — è quello di «contribuire alla presa di coscienza delle comunità cristiane e delle persone di buona volontà sulla gravità del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici». Tra gli appuntamenti della Campagna — che ogni anno, dal 1964, viene promossa su temi di ordine sociale — conferenze, dibattiti, manifestazioni, ma anche una raccolta di fondi per realizzare alcuni progetti concreti.

Al fondo di tutto — ha sottolineato il segretario generale della Conferenza episcopale brasiliana, il vescovo ausiliare di São Sebastião do Rio de Janeiro, Dimas Lara Barbosa — è sempre una visione cristiana della vita. «La nostra base è teologica e si fonda sullo stesso progetto di Dio nei confronti della creazione e dell'essere umano». In questo senso, il presule sostiene che l’approfondimento della questione ecologica è di «estrema importanza» perché riguarda anche la tutela della vita umana. «L'ecologia umana è un tema fondamentale affrontato da Papa Giovanni Paolo II e poi da Benedetto XVI. Per il Papa, il centro dell'universo è nella persona umana, e molte volte le politiche pubbliche non tengono conto di questi aspetti, soprattutto delle persone più vulnerabili, i più poveri».

Per padre Luiz Carlos Dias, segretario esecutivo della Campagna di fraternità 2011, la tematica scelta per l’iniziativa esprime una «preoccupazione sociale» della Chiesa, che intende «risvegliare le persone all'educazione ambientale perché, a partire dal nostro quotidiano, abbiamo bisogno di diminuire i consumi e di prendere alcune misure che implichino meno spese e più rispetto per la vita del nostro pianeta». I temi sociali presentati dalla Campagna di fraternità riflettono dunque il ruolo della comunità cattolica presso la società. «La Chiesa — ha aggiunto il religioso — prende questi temi come riflessione per servire la società, perché implicano sofferenza, dolore e morte. La Chiesa, che ha la missione di evangelizzare, cerca di portare la luce di Dio in questa situazione, affinché sbocci la vita nella società».

Oltre all'obiettivo generale di aumentare la consapevolezza sul riscaldamento globale e i cambiamenti climatici del pianeta, la Campagna di fraternità presenta anche alcuni obiettivi specifici. Tra questi, quello di mettere a disposizione mezzi per la formazione della coscienza ambientale, promuovere discussioni sul tema, mostrare la gravità e l'urgenza dei problemi ambientali, denunciare situazioni e sottolineare responsabilità. Uno dei gesti concreti proposti è la Colletta della solidarietà, che verrà realizzata in tutte le diocesi brasiliane il 17 aprile, domenica delle Palme. Il denaro raccolto verrà convogliato nel fondo nazionale e in quelli diocesani della solidarietà, per far fronte a progetti legati sempre agli obiettivi della Campagna di fraternità.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE