Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cammino che non si ferma

· Il Patriarca Bartolomeo sulla visita del Papa al Fanar ·

«Un segno importante del reciproco attaccamento fra le Chiese ortodossa e cattolica»: così il patriarca ecumenico, Bartolomeo, ha definito la visita che Papa Francesco effettuerà a fine novembre a Istanbul in occasione della festa di sant’Andrea. Parlando a un gruppo di giornalisti austriaci ricevuti nei giorni scorsi al Fanar, l’arcivescovo di Costantinopoli — riferisce Radio Vaticana — ha precisato che non ci saranno «gesti spettacolari» ma la «dichiarazione che sarà firmata durante l’incontro costituirà una tappa importante nelle relazioni tra le due Chiese». La quasi millenaria separazione «non può essere superata dall’oggi al domani. Nemmeno sessant’anni fa ci si considerava come nemici piuttosto che come fratelli. Ma molte cose positive sono accadute negli ultimi decenni. Certo, ora c’è bisogno di progressi sostanziali», ha osservato il patriarca ortodosso.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE