Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In cammino

· Su cosa lavorerà per i prossimi cinque anni la commissione teologica internazionale ·

Aperta con la messa celebrata nella cappella della Domus Sanctae Marthae dal cardinale Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e presidente della Commissione teologica internazionale (Cti), e conclusa con l’udienza concessa da Papa Francesco, dal 1° al 5 dicembre si è tenuta in Vaticano la prima sessione plenaria del nono quinquennio della Commissione. Nel suo discorso il Pontefice ha richiamato l’attenzione su due caratteristiche della nuova Cti: la presenza più importante delle teologhe al suo interno (cinque donne su trenta membri) e il suo carattere internazionale.

Un momento importante della prima sessione di un nuovo quinquennio è la scelta dei temi che verranno trattati nei cinque anni successivi. Il primo tema considerato è quello della sinodalità nel contesto della cattolicità. Il secondo tema scelto dalla Commissione è «Fede e sacramenti». Terzo tema scelto è, infine, «La libertà religiosa nel contesto attuale».

Serge-Thomas Bonino,
Segretario generale della Cti

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE