Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Calma
e rispetto della legge

· L’arcivescovo di Ozamiz sui raid antidroga ·

Un appello alla calma e a mantenere nervi saldi è stato fatto dall’arcivescovo di Ozamiz (nel sud delle Filippine) Martin Jumoad dopo che un raid condotto da una squadra antidroga ha provocato la morte di una dozzina di persone, fra le quali anche il sindaco Reynaldo Parojinog e membri della sua famiglia. 

Secondo le prime ricostruzioni, la squadra antidroga è entrata nell’abitazione del primo cittadino con un regolare ordine di perquisizione. Il sindaco si sarebbe opposto e da qui sarebbe partita una sparatoria. Il presule ha espresso tristezza per quanto accaduto, affermando di credere che «la giustizia e la legalità prevarranno». Per questo ha invitato tutti alla calma, al tempo stesso sollecitando le autorità a «cercare delle strade per rendere giustizia a quanti sono morti»: «Dovremmo vivere in pace — ha spiegato a Ucanews — e nel rispetto della legge. Nella diocesi la situazione è calma ma i sostenitori del sindaco ucciso non sono felici per quanto accaduto». Il presule ha spiegato di non voler entrare nel merito delle accuse rivolte al sindaco di avere collegamenti con i narcotrafficanti: «Mi rifiuto di giudicare», ha detto, aggiungendo però di avere la speranza che la morte del sindaco, che ha amministrato per circa due decenni la città, e quella dei suoi famigliari, possa «sollecitare alla costruzione di una città pacifica». La regione di Mindanao, nel sud delle Filippine, dove si trova Ozamiz City, ha detto l’arcivescovo, è stata sempre governata da politici che hanno l’abitudine di tenere in casa delle armi private. Se non si ferma questo fenomeno, ha spiegato «non ci sarà pace».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE