Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Calano i disoccupati negli Stati Uniti

· È il livello più basso degli ultimi dieci anni ·

Il mese scorso sono stati creati negli Stati Uniti 211.000 posti di lavoro e il tasso di disoccupazione è sceso dello 0,1 per cento toccando il 4,4 per cento. Si tratta del livello più basso registrato dal maggio del 2007. Il presidente Donald Trump ha espresso soddisfazione per la notizia e ha twittato «lavoro, lavoro, lavoro». La vice portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, ha tenuto a sottolineare come il merito di Trump è stato quello di aver creato «un ambiente più favorevole per il business». 

Nelle stesse ore, dopo critiche espresse da esponenti democratici, gruppi per la difesa dei diritti civili e anche alcuni repubblicani, Mark Green, scelto da Trump per il posto di segretario all’esercito, si è ritirato dall’iter per la conferma della nomina. Pur definendo quelle avanzate nei suoi confronti «false accuse» ha ritenuto di non proseguire. Mark Green è il secondo candidato che si ritira dopo essere stato indicato dal presidente per il ruolo di segretario all’esercito, nomina che deve essere confermata al Senato. Lo scorso febbraio aveva fatto un passo indietro anche Vincent Viola. Nel fare il nome di Viola, Trump aveva detto: «È la prova vivente del sogno americano», il miliardario italoamericano ha però poi ritirato la sua candidatura per non distanziarsi troppo dai suoi affari, come previsto dalle norme.

Rimane aperta inoltre la questione relativa alla riforma del sistema sanitario statunitense. «L’obiettivo del presidente Trump è raggiungere il risultato giusto, non la rapidità», ha reso noto la Casa Bianca rispondendo a domande dei giornalisti sul testo della riforma sanitaria che abolisce l’Obamacare, approvato alla Camera e adesso diretto al Senato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE