Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Caccia alle notizie false

· Londra annuncia provvedimenti tre settimane dopo una simile iniziativa da parte di Parigi ·

Si espande in Europa occidentale la guerra alle fake news, le notizie false. Dopo la Francia a inizio gennaio, tocca ora alla Gran Bretagna darsi da fare per contrastare la loro diffusione. Nella giornata di ieri il governo Tory ha annunciato la creazione di un’unità speciale, che si occuperà di comunicazioni nell’ambito della sicurezza nazionale, contrastando la «disinformazione da parte di stati stranieri e altri soggetti». 

L’iniziativa è stata promossa dal ministro della difesa britannico, Gavin Williamson, che ne presenterà i particolari davanti al parlamento. «Stiamo vivendo in un’epoca di false notizie — ha affermato il portavoce di Downing Street — e il governo risponderà ricorrendo a maggiori e migliori comunicazioni nell’ambito della sicurezza nazionale per affrontare queste sfide complesse e interconnesse». La nuova unità «mira a scoraggiare ripetutamente i nostri avversari e ci aiuterà ad adempiere le priorità di sicurezza nazionale», ha aggiunto James Slack.

L’iniziativa del governo di Theresa May riecheggia l’annuncio, tre settimane fa, del presidente francese Emmanuel Macron, di una nuova legge destinata a lottare contro le false notizie, in particolare nei periodi elettorali. Esprimendosi al palazzo dell’Eliseo in occasione dei tradizionali auguri di inizio anno alla stampa, il capo di stato aveva elencato alcuni dettagli, come «aumentare la trasparenza relativa ai contenuti sponsorizzati pubblicati in Internet, dare più poteri al consiglio superiore dell’audiovisivo». Macron aveva anche accennato alla possibilità di rivolgersi al giudice per ottenere provvedimenti di chiusura di siti o bloccare alcuni contenuti.

di Charles de Pechpeyrou

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE