Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Bussare
alle porte chiuse

· Il cardinale Sandri apre i lavori della Roaco ·

Bussare continuamente, con la voce della preghiera, come l’amico importuno della parabola evangelica, perché «si aprano le porte e le frontiere chiuse», e non si debba più assistere, «nell’Europa culla della civiltà occidentale, ai tristi e gravi episodi di questi giorni, che vedono coinvolti, tra gli altri, molti figli e figlie dell’Etiopia, dell’Eritrea e della Siria».

Cristiana ortodossa etiope (Reuters)

È, al tempo stesso, un invito e una supplica, quello rivolto dal cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, durante la messa nella chiesa di Santo Stefano degli Abissini martedì mattina, 16 giugno, in apertura dell’ottantottesima sessione plenaria della Riunione delle Opere di Aiuto per le Chiese Orientali (Roaco), in corso in Vaticano. Il porporato ha anche portato idealmente all’altare, insieme alle offerte, le intenzioni e le preghiere per la pace e per la giustizia in tutto il Medio oriente, e particolarmente in Siria, Iraq e Terra santa, senza dimenticare le ferite e le prove che sta attraversando l’Ucraina. Di queste situazioni il cardinale ha parlato anche nella prolusione ai lavori, che si concludono mercoledì 17.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE