Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Burkini e dintorni

Più lo si proibisce, più si vende: la legge del mercato vale anche per l’ormai celebre burkini, bandito dalla Francia in questa estate 2016. Inventato da Aheda Zanetti, musulmana australiana di origini libanesi che non voleva rinunciare a praticare il nuoto a livello agonistico, il burkini ha visto le sue vendite aumentare su scala globale del duecento per cento, diventando un vessillo identitario. Intanto, una nuova Barbie sta facendo la sua comparsa: la ventiquattrenne nigeriana Haneefah Adam ha infatti creato Hijarbie, per la quale ha disegnato, tagliato e cucito abiti rendendola una musulmana a tutti gli effetti. Haneefah Adam ha dichiarato di voler aiutare le ragazze di fede islamica, dando loro una bambola che rappresenti il loro bagaglio culturale e religioso. In quest’ottica, Haneefah ha realizzato una Hijarbie specifica in onore della musulmana Ibtihaj Muhammad, che ha partecipato e vinto una medaglia di bronzo nella sciabola a squadre alle Olimpiadi di Rio 2016.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE